La ragazza del mio migliore amico.

Ciò che vedi è ciò che trovi ®
   
 
 
 
 
 










Ricerca annunci

Tipologia   
Nazione   
Regione   
Provincia   
Città   

Abbonamento per la pubblicità

NEWSLETTER
Iscriviti per essere informato sulle prossime iniziative di Piccole Trasgressioni!
E-mail: 








Storie di vita



La ragazza del mio migliore amico.

Qualche tempo fa, M. il mio migliore amico, mi raccontò che l'estate aveva conosciuto, durante la sua vacanza una ragazza della quale s'era invaghito.Mi disse che anche lei era molto presa da quella storia, e dunque non fu difficile per lui instaurare con lei un rapporto sentimentale.Ero molto contento per lui, e lui mi disse che presto avrebbe fatto una festa per presentarla a tutta la nostra comitiva.Ero molto contento per lui, non lo avevo mai visto così di buon umore e rilassato.Si trattava della sua prima ragazza con la quale instaurava un rapporto ufficiale di fidanzamento.Lui provò a descrivermela, senza che io gli chiedessi alcunchè, ma evidentemente M. era fin troppo eccitato dal non voler certamente nascondere la sua nuova conquista. Sarò sincero, da come me la descrisse non destò in me nessun effetto, anche perchè non riuscivo bene a immaginarla.Ci fu occasione di conoscerla qualche mese più tardi, quando M. organizzò una festa, dove aveva invitato tutti, con la scusa di una qualche festività.la conobbi per la prima volta. Era minuta, col viso molto grazioso, aveva capelli lunghi e degli occhi verdi.Non mi colpì affatto, e non nascondo che un pò per timidezza, un pò per il divertimento della festa, non ci parlai se non per le solite formalità.In verità accadde un fatto strano, ma lo imputammo al forte tasso alcoolico della serata.Non mi ricordo per quale motivo, io entrai a festa inoltrata, nella stanza dove avevo riposto il mio cappotto, forse per prendere il telefono che avevo dimenticato, quando la vidi entrare con un sorriso a trentadue denti, mentre mi chiedeva se mi stessi divertendo, io annuii divertito, e le dissi qualcosa di divertente, visto che ero alticcio..anche lei era ubriaca di vino, e mi si avvicinò ballando la musica che si sentiva in sottofondo dall'altra stanza.Mi si avvicinò parecchio tanto che si mise con i suoi piedini sopra i miei avvinghiandosi alle mie spalle per spronarmi a ballare.Inutile dire che proprio in quel momento entrò M. che ci vide in quel momento decisamente imbarazzante, ma lei non ci fece proprio caso, tanto era ubriaca e lo invitò a prendere parte al divertimento. Era decisamente contrariato,e io imbarazzato, ma la cosa finì lì.Non dissi nulla a lui, perchè io non avevo fatto un cazzo, e lui lo sapeva.tanto più che qualche tempo dopo si scusò a nome di lei per quel comportamento bizzarro. Passarono ancora diversi mesi prima che la rividii.Era durante un pic-nic primaverile, che facemmo tutti in un boschetto non lontano dal paese.La giornata era insolitamente calda, e dopo aver mangiato ci sentivamo tutti molto accaldati, io mi stavo riposando all'ombra di un albero, quando la notaii.Era come se fosse la prima volta che la vedevo.A causa del tempo torrido si era levata la felpa che evidentemente era solita portare, mostrando così un seno dirompente che non avevo mai notato sotto quelle felpe larghe.Aveva una specie di cannottiera molto attillata che le metteva in risalto le tette, che per la sua statura piccoletta non faccio fatica a definire enormi.Fui molto stupido e turbato da quella vista, e non riuscivo a staccare gli occhi di dosso da quei seni così maturi e perfetti, tanto che credo si fosse lei accorta mentre veniva verso di me, che ero decisamente sorpreso da quel ben di Dio.Notai che il suo sguardo era un pochino contrariato, evidentemente la stavo fissando troppo su quei seni, ma io non ci feci inizialmente molto caso.Ma mi ricordo che da quel momento ebbi una fortissima voglia di possederla fisicamente, e tutte le volte che la incontravo non riuscivo a reprimere questa mia voglia.Ma sapendo che si trattava della ragazza del mio migliore amico, mi obbligavo a starmene buono e promisi a me stesso che mai l'avrei sfiorata.Tuttavia nessuno mi impediva di masturbarmi pensando a lei, e al suo seno prorompente e maturo.Sognavo di possederla in ogni maniera, godevo come un matto all'idea di farlo all'insaputa di M.,sognavo di infilarle il mio cazzo in bocca, possederla analmente, con quel suo piccolo e sodo culo, che avrei facilmente scassato con la mia verga.Er così minuta che anche un cazzetto normale avrebbe ben figurato tra le sue mani, e il fatto che avesse quel seno enorme mi arrapava all'inverosimile.Col passare dei mesi tenevo questo mio aspetto sempre meno sotto controllo, tanto che evitavo volutamente di guardarla, altrimenti mi sarei eccitato a rischio di essere scoperto.Tuttavia capitava che pur non volendo, mentre mi voltassi da qualche parte io alla fine la guardassi, anche casualmente.L'occhio mi cadeva sempre su quei seni, e il mio sguardo si ritraeva poi imbarazzato a vedere il suo sguardo.Probabilmente lei non ci mise molto a capire che razza di porco ero, e in queste occasioni mi guardava diffidente se non proprio contrariata, e ricordo che da un certo punto in poi, questa troia navigata, per dispetto, alla mia vista involontaria usasse coprirsi le sue enormi tette in qualsiasi modo.Era un atteggiamento che mi mandava in bestia, pensavo "se non vuoi farti vedere quelle tette enormi rimettiti quelle cazzo di felpe, troia sguaiata."Inoltre era insolente con me, proprio antipatica...ma devo ammettere che la cosa mi eccitava ancora di più.Capitò un giorno di dover andare a teatro a vedere uno spettacolo, e M. si era portato dietro la sua ragazza, che quel giorno era più bella che mai, vestita tutta a modo, con una gonna corta e stretta, tacchi a spillo e una camicetta molto scollata.Io ero fuori di me dall'eccitazione.Prendemmo i biglietti e andammo alla ricerca delle poltrone.Un addetto ci dispose in ordine in base al numero sul biglietto, e capitò che lei stesse in mezzo a noi due.Inutile dire che non seguii affatto lo spettacolo sul palco, ma quello accanto a me.Col favore del buio potevo dar sfogo alla mia eccitazione, ero in preda a un erezione potentissima e incontrollata, mi toccavo in continuazione la cappella umida,strofinandomi il poantalone.La vedevo seduta con le cosce di fuori accavallate e quella camicetta che le mostrava tutto con molta facilità.Mi ricordo che alla fine del primo atto non mi potei nemmeno alzare altrimenti avrei mostrato a tutti quanto quella bagascia mi facesse penare il cazzo.a un certo punto dello spettacolo decisi che mi dovevo tirare il cazzo, altrimenti sarei stato smascherato quando fosse venuto il momento di andarsene.Col favore del buio iniziai proprio una specie di pugnetta, ma ero goffo nel dissimularla, ed ero preoccupato che lei mi potesse vedere, o che mi potessi imbrattare tutti i pantaloni. Constrinsi il cazzo dietro la cinta, e lui durissimo a stento obbediva.avevo la cappella fuori dai pantaloni, bella adesa lungo lo stomaco, le mie nerchie erano furiose e bollenti, ma da in piedi nessuno avrebbe notato facilmente che ero eccitato come un toro.Mi alzai e dissi che andavo al bagno.Nello sfilare tra le poltrone, le passai davanti e intravidi tutto quel ben di Dio.Il mio cazzo sborrò all'istante copioso e puzzolente di umori repressi, feci come per chinarmi di istinto per nascondere la vergogna, mi cadde il telefono, e la urtai un pochino,lei non s'avvide di quello che stava succedendo, e si limitò a raccogliermi il telefono, nel vederla chinasri in direzione del mio cazzo sborrai ancora una volta all'istante.Mi sentivo fradicio di umori, avevo la camicia bagnata e appiccicosa, mi chiusi la giacca e mi fiondai al bagno.Notai il mio amico un pò interdetto, ma ero abbastanza sicuro che non si fosse accorto di nulla.Mi lavai in quattro e quattr'otto e diedi pure due colpi al mio cazzo che in tre secondi mandò la sua ultima schizzata di sborra calda.Ero calmo ora.Quando tornai a sedere ero rilassato, anche se imbarazzato.Lei mi restituì il telefono e in quel momento si accorse di avere un filo di sborra mia tra le dita.Dovevo aver imbrattato anche il cellulare, nel disperato tentativo di prima di nascondere il mio orgasmo.Lei mi guardò stupita e con uno sguardo indignato, io arrossii e balbettai piano, le colava il mio sperma appiccicoso e puzzolente sulle sue affusolate ditine da troia.In mezzo secondo si portò l'indice alla bocca e leccò via lo sperma.Mi guardò incazzata, e forse lei stessa si stupì di quel suo comportamento da vera troia.Mi salvò le chiappe, ma io capii che era fatta.Dopo pochi giorni me la sbattevo con violenza e passione in ogni suo piccolo buco accogliente, una volta persino con M. in casa lei mi fece un pompino da panico nel ripostiglio del bagno e si bevve tutto il mio sperma.Mi diceva"quella volta a teatro mi ero accorta di tutto quello che facevi, e ne ero turbata ma molto eccitata, quando vidi insieme a te che la mia mano era sporca di sborra ero tanto furiosa quanto bagnata.."mi diceva anche"almeno con te mi faccio delle grosse scopate senza inibizione, con M. non riesco ad essere così".Già così porca e troia sei, da fottere con furore.Mi ricordo che una volta la fottei da dietro così violentemente che misi le mie mani completamente sul suo viso per usarlo come perno per le mie vergate rapide e furiose.Godevo come un maiale quando mi spompinava alla presenza in casa del suo ragazzo, e non nascondo che lui ci abbia persino visto o sentito, menandosi il cazzo dietro qualche parete nell'intento di spiarci.

< Torna all'elenco delle storie

Vota la storia
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

Lascia il tuo commento per questa storia
Codice di Sicurezza:
Scrivi il codice di sicurezza:
Tuo Nome:
Tua e-mail:
Il tuo commento:
I vostri commenti
Da: Tuso
Data: 29/10/2011 alle 6.58.02
Messaggio: sei molto giovane e si nota, non so se la storia è vera o di fantasia ma non importa, ma quanto cazzo sei ignorante? ne cito una su tutte:"le mie nerchie erano furiose e bollenti" ma che cazzo significa?

Da: Ale
Data: 02/11/2011 alle 13.04.48
Messaggio: La storia in se non è male, anche se scritta con i piedi. Se ti è successa davvero, allora hai fatto bene a scopartela.

Da: Jessica86
Data: 20/11/2011 alle 1.00.29
Messaggio: Bella storia sono tutta eccitata.non capisco perché scrivete che non si capisce...forse un po troppo lunga

Da: luca82
Data: 04/12/2011 alle 13.30.18
Messaggio: voglio conoscere jessica 86!!!!!!!!!!!

Da: Petardo69
Data: 15/12/2011 alle 12.30.05
Messaggio: uè Cuppino ... ma tu sei un fenomeno!! come cazzo fai a scrivere con il buco del culo?!?

Da: Troppo-Duro
Data: 26/12/2011 alle 18.11.31
Messaggio: Jessica86, se vuoi ti placo io!!


  Contatti Piccole Trasgressioni ® di Nigrelli Antonino P.I. 01487460386 Ciò che vedi è ciò che trovi ®